Funzionalità e sostenibilità della lana merino

Schweizer Merinoschafe auf der Weise am Mont Soleil

Lana merino

Il termine "Merino" si riferisce a una specifica razza di pecore originaria del Nord Africa. Nel Medioevo, le prime pecore Merino raggiunsero la Spagna e da lì, alla fine del XVIII secolo, i coloni spagnoli le portarono in Australia e Nuova Zelanda. Oggi questi due Paesi sono di gran lunga i maggiori esportatori di lana Merino, seguiti da Sudafrica e Argentina.
Le pecore Merino vengono tosate ogni 8-10 mesi e forniscono, a seconda della razza e dell'allevamento, tra i 2 e i 4 chilogrammi di lana all'anno per pecora.

Schweizer Merinoschaf auf der Weise am Mont Soleil

Funzionalità della lana merino

La lana merino è una fibra miracolosa. Le sue proprietà funzionali, molto apprezzate dagli atleti che praticano l'outdoor - e di cui parleremo più dettagliatamente in questa sezione - si basano esclusivamente sulla struttura delle fibre merino. Sono molto fini, morbide, fortemente arricciate, squamose ed elastiche. Ma prima di tutto:

Elevato comfort di vestibilità

La lana merino è nota per il suo elevato comfort di vestibilità e per il fatto che, a differenza della lana normale, non si graffia. Il motivo risiede nelle fibre molto sottili. La lana merino ha uno spessore medio delle fibre compreso tra 16,5 e 24 micron (= micrometri = millesimi di millimetro). Per fare un confronto: i capelli umani hanno un diametro di circa 30 micron.
La lana di pecora "normale" ha uno spessore circa doppio rispetto alla lana merino. Le sottilissime fibre di merino non si attaccano alla pelle di chi le indossa, il che significa che la lana merino non graffia.

Isola bene dal freddo e anche dal caldo.


Le fibre merino sono molto arricciate e possono avere fino a quaranta arricciature per centimetro. Ciò significa che le singole fibre di un tessuto sono relativamente libere l'una sull'altra e l'aria viene intrappolata negli spazi vuoti che ne derivano. Quest'aria intrappolata è un superisolante contro il freddo e anche contro il caldo.
Grazie alle numerose onde della lana merino, ci sono anche meno punti di contatto tra il tessuto e la pelle, il che significa che il calore viene dissipato meno dal corpo.

Regola l'equilibrio dell'umidità e la temperatura corporea


La lana Merino è in grado di assorbire fino al 30% del suo peso a secco in umidità senza sentirsi bagnata. Le fibre merino possono legare l'umidità sotto forma di vapore acqueo e quindi allontanare l'umidità dalla pelle. L'umidità viene immagazzinata all'interno o tra le fibre, mentre la superficie delle fibre rimane asciutta.
Se l'umidità evapora a temperature calde, si produce un raffreddamento per evaporazione. Questo rende l'abbigliamento merino molto comodo da indossare anche in estate.


Riscaldante quando è bagnato


Anche alle basse temperature, la capacità delle fibre merino di assorbire l'umidità si rivela molto positiva. Mentre il vapore acqueo viene legato all'interno della fibra, la superficie della fibra rimane asciutta e respinge l'acqua. Una sensazione di asciutto è un requisito importante per un elevato comfort climatico.
Attraverso un processo cosiddetto esotermico, le fibre merino generano anche calore quando assorbono l'umidità (il cosiddetto calore di assorbimento). Questo processo funziona finché le fibre non sono sature e non possono più assorbire molecole d'acqua.


Neutralizza gli odori


Un'altra proprietà relativamente nota della lana merino è il suo effetto di neutralizzazione degli odori. Le fibre di lana hanno una superficie squamosa sulla quale i batteri, responsabili della formazione dei cattivi odori, hanno difficoltà ad aderire. Inoltre, la proteina della fibra della lana, chiamata cheratina, disgrega i batteri presenti sulla pelle. Meno batteri = meno odori.


Si pulisce da solo


La lana merino ha una funzione autopulente incorporata. L'interno della fibra di lana è costituito da due diversi tipi di cellule che possono assorbire quantità diverse di umidità. Di conseguenza, i due tipi di cellule si gonfiano in misura diversa quando assorbono l'umidità, provocando un processo di attrito meccanico. Questo processo di attrito permette alla fibra merino di pulirsi, soprattutto in caso di clima umido. Per questo motivo, gli indumenti merino non devono essere lavati con la stessa frequenza dei capi "normali" e possono essere indossati a lungo.


Ritardante di fiamma


La lana merino è ignifuga rispetto ai tessuti sintetici. Pertanto, a differenza di una fibra sintetica rapidamente infiammabile, il problema è minore se un pezzo di brace colpisce la camicia durante un falò.


Alta protezione UV


La lana merino protegge bene la pecora e quindi chi la indossa dai raggi UV e dalle scottature solari.


Non molto resistente agli strappi


Se pensiamo agli svantaggi funzionali della lana merino, ci viene in mente solo una cosa: la fibra non è molto resistente agli strappi. Pertanto, è necessario prestare attenzione quando lo si indossa e lo si toglie, soprattutto quando è bagnato. Inoltre, quando si lavano, si consiglia di mettere i capi merino in un sacchetto di lavaggio per proteggerli dalle cerniere di altri capi, ecc.


Conclusione


Dal punto di vista funzionale, la lana merino ottiene quasi il massimo dei punti grazie a tutte le proprietà sopra citate. La lana Merino è un miracolo della natura che nemmeno la tecnologia e la chimica più moderne possono eguagliare.
Ma che dire della sostenibilità della lana merino? Nella prossima sezione scoprirete se la fibra naturale è così funzionale e quanta natura c'è ancora nella lana merino.

Schweizer Merinoschaf auf der Weise am Mont Soleil

Sostenibilità della lana merino

Cominciamo con gli aspetti positivi:


Basso consumo di energia e acqua


Per produrre una maglietta di lana si utilizza circa il 20% in meno di energia rispetto a una maglietta sintetica analoga e il 70% in meno di acqua rispetto a una maglietta di cotone. In un'epoca in cui la scarsità di energia e di acqua è diffusa, si tratta di un elemento molto prezioso.

Facile da tingere


La lana merino è relativamente facile da tingere, il che riduce l'uso di sostanze chimiche e di energia. La serie ROTAUF Bio Merino è tinta secondo il rigoroso Global Organic Textile Standard (GOTS) ed è quindi priva di sostanze nocive anche dopo la tintura.


Biodegradabile


In quanto materiale naturale, la lana è biodegradabile al 100% e quindi teoricamente non contribuisce all'inquinamento ambientale da microplastiche. Ma attenzione: In pratica, la lana merino è spesso così pesantemente trattata chimicamente e mescolata con fibre sintetiche che non può più essere definita un materiale naturale.... Per saperne di più su questo aspetto si veda la parte negativa.

Riciclabile

La lana è riciclabile e può essere utilizzata per nuovi filati o materiali di riempimento. In Europa, il distretto tessile italiano di Prato si è fatto conoscere soprattutto per il riciclo dei prodotti di lana.


Deve essere lavato meno spesso

Come descritto nella sezione sulle proprietà funzionali, la lana merino è autopulente e neutralizza gli odori. Gli indumenti Merino devono quindi essere lavati meno spesso di quelli tradizionali. In questo modo si risparmia acqua ed energia.

Materia prima rinnovabile

A differenza delle fibre sintetiche a base di petrolio, come il poliestere o la poliammide, la lana merino è una risorsa rinnovabile. Per "produrre" la lana merino bastano una pecora, aria fresca, acqua ed erba. Molto semplice.
Purtroppo, questi aspetti positivi sono anche controbilanciati da molti aspetti negativi. Vediamoli più da vicino:

Scarso equilibrio climatico

La lana merino ha un equilibrio climatico relativamente scarso rispetto ad altre materie prime tessili. Una pecora produce quasi 5 chilogrammi di metano all'anno. Il metano, a sua volta, ha un impatto climatico 28 volte superiore a quello della CO2 nell'arco di 100 anni. La produzione di lana merino comporta quindi il doppio delle emissioni di gas serra rispetto alla produzione di fibre sintetiche.


Curiosità: circa il 12% delle emissioni di gas serra della Nuova Zelanda proviene dalle pecore.

Uso di sostanze chimiche


La lana naturale si infeltrisce e si restringe quando viene lavata in lavatrice. Pertanto, la lana merino deve essere trattata in modo speciale per poter essere lavata in lavatrice. La lana viene sottoposta di serie al cosiddetto "superwash". Per evitare che le scaglie di lana si incastrino durante il processo di lavaggio e quindi l'infeltrimento della lana, le scaglie naturali vengono eliminate con composti di cloro. Tuttavia, questi composti di cloro sono altamente esplosivi e lasciano residui di pericolosi composti AOX nelle acque reflue. Gli AOX sono un gruppo di composti chimici molto speciali, pericolosi per l'uomo e la natura. Dopo il trattamento con il cloro, la lana viene ulteriormente rivestita con uno strato di plastica per renderla il più robusta possibile. La finitura superwash più comune utilizza a questo scopo una plastica chiamata "poliammide-epicloridrina". Come suggerisce la parte "-cloro-" nel nome di questa plastica, anch'essa è composta in parte da cloro. Per questi motivi, ROTAUF non ha più utilizzato una finitura superwash con trattamento al cloro e rivestimento plastico dall'introduzione della serie Bio Merino nel 2017. Utilizziamo invece un processo delicato chiamato EXP. Ciò significa che la nostra lana può essere lavata anche in lavatrice, ma "solo" a 30°C e con un buon detersivo per lana.


Mulesing e immersione delle pecore


Alcune razze di pecore merinos sono allevate con il maggior numero possibile di pieghe della pelle, in modo che la superficie della pelle sia la più ampia possibile e su di essa cresca più lana per pecora. Le larve di mosca possono insediarsi in queste pieghe della pelle, soprattutto intorno alla coda della pecora. Per prevenire l'infestazione di vermi della mosca, le pieghe della pelle delle pecore intorno alla coda vengono spesso rimosse senza alcun sollievo dal dolore. Questa pratica crudele si chiama "mulesing" ed è oggi praticata soprattutto in Australia. In Nuova Zelanda, il mulesing è stato vietato dal 2018 e anche il Sud America è considerato esente dal mulesing perché le fastidiose mosche non si trovano lì.

Un'altra pratica comune per prevenire l'infestazione parassitaria delle pecore è il cosiddetto "Sheep Dipping". In questo processo, le pecore vengono spinte sotto l'acqua o attraverso bagni di pesticidi in una vasca con pesticidi/disinfettanti utilizzando macchine appositamente sviluppate.

Per garantire che le pecore che "donano" la loro lana per l'abbigliamento ROTAUF possano vivere in condizioni adeguate alla specie e senza trattamenti crudeli, utilizziamo lana merino proveniente da allevamenti biologici controllati (kbT). Questo standard si basa sulle linee guida europee per l'agricoltura biologica e vieta sia la mulazione che l'immersione delle pecore.

Consumo di suolo e degrado del suolo

In molte regioni del mondo, le foreste vengono abbattute per creare pascoli per gli animali. Se ci sono troppi animali per ogni area di pascolo disponibile, il cosiddetto "sovrapascolo" può portare al degrado del suolo, all'erosione e alla perdita di biodiversità.

Anche in questo caso, lo standard biologico fornisce un rimedio regolando le dimensioni e la rigenerazione delle aree di pascolo.

La lana merino è spesso mescolata con fibre sintetiche

A causa della relativamente scarsa robustezza delle fibre merino e per facilitarne la manutenzione, vengono spesso mescolate con fibre sintetiche. Ciò può avere un effetto positivo sulla robustezza e sulla durata dei tessuti merino, ma contribuisce all'inquinamento ambientale da microplastiche e impedisce ai tessuti di rimanere biodegradabili o riciclabili.

Lunghe distanze di trasporto

La lana merino, come descritto in precedenza, proviene solitamente da lontano: Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica e Argentina sono i maggiori esportatori di merino al mondo. Con le varie fasi di lavorazione, ogni maglietta può percorrere facilmente 40.000 chilometri di trasporto.

A causa della lavorazione regionale della lana merino (maglieria, tintura, cucitura in Svizzera), questi valori sono notevolmente inferiori a ROTAUF, ma i nostri capi in seta merino accumulano anche circa 10.000 chilometri di trasporto lungo l'intera catena del valore. Per ridurre questa distanza, siamo sempre alla ricerca di alternative merino locali. Con la lana Merino svizzera e la lana Merino spagnola, ora offriamo due alternative di questo tipo nei singoli prodotti e speriamo di poter aumentare ulteriormente la percentuale di lana Merino locale nei prossimi anni.

Conclusione

Gli indiscussi vantaggi funzionali ed ecologici della lana merino sono compensati da una serie di svantaggi ecologici e da metodi di crudeltà sugli animali.

Sebbene sia possibile affrontare molti di questi svantaggi attraverso l'uso di lana merino biologica certificata e di processi di finissaggio e tintura rispettosi dell'ambiente, rimangono alcune sfide fondamentali, in particolare in relazione alle scarse prestazioni climatiche della lana merino e alle lunghe distanze di trasporto.


Lascia un commento

Attenzione, i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.


Visualizza tutto

Visualizza tutto